Provincia di Catanzaro - Continuano le operazioni di bonifica delle strade di competenza della Provincia di Catanzaro: interventi nel Comune capoluogo su Sp 13, Sp 16 ed Sp 17. Nuovo appello del presidente Bruno alla collaborazione

Continuano le operazioni di bonifica delle strade di competenza della Provincia di Catanzaro: interventi nel Comune capoluogo su Sp 13, Sp 16 ed Sp 17. Nuovo appello del presidente Bruno alla collaborazione

02 Agosto 2018

CATANZARO – 1 AGOSTO 2018. Continuano le operazioni di bonifica delle 
strade di competenza dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro da 
rifiuti e discariche abusive. Un’attività straordinaria attivata dalla 
Provincia guidata dal presidente Enzo Bruno, nell’ambito di un più ampio 
progetto di sensibilizzazione alla tutela dell’ambiente per diffondere 
la cultura del rispetto, della cura e della salvaguardia del territorio 
e del patrimonio naturalistico messo a repentaglio da incuria e 
inciviltà. Dopo gli accurati interventi relativi al territorio di 
Squillace, Montauro, Borgia e la Strada provinciale 25 che collega 
Catanzaro alla Presila, l’attività di bonifica questa volta si è 
concentrata lungo le strade provinciali 13, 16 e 17 che attraversano il 
territorio del Comune di Catanzaro: si tratta di arterie che, infatti, 
collegano il Capoluogo a comuni limitrofi, come nel caso della Sp 13 che 
raggiunge Soveria Simeri, e ricongiungono i centri abitati verso la 
Strada Statale 106. Nei giorni scorsi sono stati affidati i lavori di 
smaltimento di rifiuti solidi urbani nonché rifiuti ingombranti nelle 
aree di pertinenza provinciale, per un ammontare di 15.370 euro, alla 
ditta Sieco che sta procedendo alla rimozione dei cumuli di spazzatura 
concentrati in aree a ridosso delle arterie provinciali interessate.
“L’ambiente è un patrimonio sociale che può essere difeso al meglio 
prima di tutto con la partecipazione dei cittadini, diffondendo la 
cultura del rispetto della natura e del decoro urbano quale dovere 
civico - ha affermato il presidente Bruno -. Le bellezze naturalistiche, 
il patrimonio storico e culturale del nostro territorio rappresentano 
una opportunità da cogliere e valorizzare: presentare come biglietto da 
visita ai turisti immagini indecorose di cumuli di rifiuti è un’offesa 
alla nostra dignità di calabresi perbene. Non è stato facile reperire le 
risorse necessarie per procedere con questa ulteriore bonifica, visto le 
difficoltà che sono una costante di questi anni di amministrazione. Ora 
invitiamo i cittadini a non vanificare gli sforzi, se da un lato deve 
essere incentivata la raccolta differenziata nei comuni di residenza, 
come primo passo per evitare lo scempio a cui siamo stati costretti ad 
assistere attraversando le strade provinciali, dall’altro lato siamo 
tutti chiamati ad alzare il livello di civiltà anche denunciando gli 
episodi di incuria che deturpano l’ambiente”.