05 Ottobre 2017 - Il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, incontra il nuovo consiglio direttivo e il presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Cuffaro: “La vostra categoria è stata la più interessata dal ridimensionamento delle Province”

 
 
 
CATANZARO – 4 OTTOBRE 2017. “L’ingegnere costituisce una figura 
professionale in grado di contribuire al miglioramento della società 
tramite la sua capacità di trasformare le opportunità offerte dallo 
sviluppo scientifico-tecnologico in prodotti e servizi innovativi. La 
vostra categoria, come quella degli architetti, è stata direttamente 
interessata dalla evoluzione, e purtroppo anche dall’involuzione, dello 
sviluppo del territorio provinciale in questi anni di difficoltà 
economiche e normative che hanno interessato l’Ente intermedio. 
‘Invertire la rotta’ e, quindi, restituire pienezza di funzioni e 
capacità finanziaria alle Province significherebbe creare le condizioni 
per dare respiro economico alle categorie come la vostra, fondamentale 
per il mantenimento e la realizzazione di un sistema infrastrutturale 
moderno e sicuro”. E’ quanto affermato dal presidente della Provincia di 
Catanzaro, Enzo Bruno, che questa mattina ha ricevuto la visita del 
nuovo presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Gery Cuffaro, accompagnato 
da vice presidente Giuseppe Stefanucci, dal segretario Raffaele 
Mastroianni, dal tesoriere Roberto Merante e dal consigliere Gaetano 
Furriolo.  Presenti al cordiale e costruttivo incontro istituzionale 
anche il vice presidente della Provincia di Catanzaro, Marziale 
Battaglia, e il dirigente del settore Viabilità dell’Ente, l’ingegner 
Floriano Siniscalco.
Evidenziando la sensibilità del presidente Bruno alle istanze all’Ordine 
e alla categoria degli Ingegneri, il presidente Cuffaro si è detto certo 
di una proficua collaborazione in termini di supporto e partecipazione 
alle attività che saranno realizzate, puntando l’attenzione sul sostegno 
ai giovani professionisti che hanno la necessità di fare esperienza e 
quindi poter contare sulla rotazione negli incarichi per trovare spazio 
adeguato per esprimere le proprie potenzialità. “La categoria si deve 
elevare assicurando un lavoro di qualità – ha detto ancora l’ingegnere 
Cuffaro -. Siamo certi di trovare un valido appoggio 
nell’Amministrazione provinciale di Catanzaro”.
“Il depauperamento delle funzioni e della capacità finanziaria delle 
Province, segnate negli ultimi quattro anni in seguito all’applicazione 
della legge di riordino del sistema degli enti locali e dalla legge 
finanziaria 190/2015 ha indebolito il sistema Paese – ha ricordato il 
presidente Bruno -. Del resto, proprio qualche settimana fa il Sole 24 
Ore metteva in evidenza come dall’entrata in vigore della legge Delrio, 
e quindi la riforma delle Province, i tagli continui alle risorse 
disponibili, hanno coinciso con una diminuzione del Pil. L’impossibilità 
di garantire la manutenzione di strade e scuole, programmando interventi 
sul territorio che interessano prima di tutto l’attività di ingegneri e 
architetti, ha significato non poter garantire i servizi e quindi la 
sicurezza dei cittadini, e nello stesso tempo frenare sviluppo e 
ricadute economiche positive sul territorio”.
“Categorie come la vostra – ha concluso il presidente Bruno – hanno 
perso la capacità di dare il proprio fondamentale contributo alla 
sistema infrastrutturale. Il nostro obiettivo resta mantenere alta la 
qualità dei servizi e quindi della sicurezza per i cittadini: per questo 
siamo impegnati come Upi Calabria e nazionale per recuperare il 
protagonismo delle Province, che, in seguito all’esito del referendum 
del 4 dicembre scorso, devono rimanere in Costituzione con le funzioni e 
capacità finanziaria che avevano fino a quattro anni fa. Il sostegno di 
categorie professionali come quella degli Ingegneri sarà di grande 
supporto a questa battaglia”.