29 Settembre 2017 - Via libera alla revisione straordinaria delle Partecipate pubbliche possedute dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro. Il consiglio provinciale approva anche 26 punti all’ordine del giorno

CATANZARO – 29 SETTEMBRE 2017. Via libera alla revisione straordinaria 
delle Partecipate pubbliche possedute dall’Amministrazione provinciale 
di Catanzaro. Il consiglio provinciale, dopo un saluto del presidente 
Enzo Bruno, è stato presieduto dal vice presidente Marziale Battaglia, 
ha approvato e fatto propria all’unanimità dei presenti (Aquila 
Villella, Ciccio Severino, Rosario Lostumbo, Giovanni Costanzo, oltre 
Battaglia) la delibera del presidente Enzo Bruno n.339 del 22 settembre 
scorso. Ad affiancare il vice presidente Marziale Battaglia, il 
direttore generale Vincenzo Prenestini, il direttore di ragioneria Pino 
Canino, e il funzionario Marcello Palumbo.
La revisione straordinaria a cui fa riferimento la deliberazione 
rappresenta uno strumento utile al fine di conoscere le partecipazioni 
possedute dalla Provincia di Catanzaro e costituisce un elemento 
efficace per orientare le decisioni da assumere alla luce del decreto 
175/2016, al fine di avviare quel processo di ricognizione delle 
partecipazioni pubbliche con l’eliminazione/liquidazione di quelle che 
non perseguono gli obiettivi dell’ente locale, o che, comunque, non 
perseguono quegli obiettivi di efficienza della spesa pubblica.
Entro il 30 settembre 2017 fissato dal decreto correttivo, dunque, ogni 
amministrazione pubblica adotta una deliberazione consiliare con la 
quale effettua la ricognizione straordinaria di tutte le partecipazioni 
detenute al 23 settembre 2016 indicando le società da alienare ovvero 
oggetto di operazioni di razionalizzazione, fusione o soppressione, 
anche mediante messa in liquidazione o cessione.
Le società partecipate dalla Provincia di Catanzaro sono: la AEEC Energy 
Agency, che si occupa di migliorare la gestione e la domanda di energia 
mediante la promozione dell’efficienza energetica, a favorire il miglior 
utilizzo delle risorse locali rinnovabili e migliorare la protezione 
dell’ambiente; il Consorzio Catanzaro 2000 (in liquidazione); la Sacal 
SpA; il Consorzio per lo sviluppo industriale della Provincia di 
Catanzaro e Lamezia Europa SpA.
Secondo la relazione tecnica del piano operativo di revisione 
straordinario parte integrante della delibera vagliata, Sacal, Corap e 
Lamezia Europa possiedono le caratteristiche tecniche strategico, 
economiche e normative per il mantenimento della partecipazione della 
Provincia di Catanzaro.
Tra gli argomenti all’attenzione degli inquilini dell’Aula “Ferrara”, le 
delibere approvate dalla maggioranza dei presenti (astenuto il 
consigliere Giacomo Muraca, entrato in aula al momento della discussione 
del punto 8) hanno riguardato: l’affidamento della riscossione coattiva 
delle entrate provinciali all’Agenzia Entrate Riscossioni e una serie di 
prese d’atto di sentenze passate in giudicato e adempimenti 
consequenziali. In tutto, quindi, 26 i punti discussi. Rinviata, invece, 
la discussione del’ordine del giorno del consigliere Antonio Montuoro 
sul distaccamento della Polizia stradale nella città di Catanzaro.