18 Luglio 2017 - Con il patrocinio della Provincia di Catanzaro, protocollo d’intesa tra Comune di Marcellinara e Slow Food per il Mercato dei produttori locali. Il presidente Bruno anticipa: riapriremo la Sp 168/1

 
 
CATANZARO – 14 LUGLIO 2017. Il cibo come portatore di piacere, cultura, identità e uno stile di vita, oltre che alimentare, rispettoso dei territori e delle tradizioni rappresenta un importante veicolo di promozione del territorio e un significativo strumento di identificazione dello stesso e un valido attrattore turistico attraverso la proposta di qualità che ne siano espressione. Buone pratiche e linee programmatiche che diventano filosofia di vita, sintetizzate in un protocollo d’intesa tra il Comune di Marcellinara e la Condotta di Catanzaro dello Slow food che la Provincia di Catanzaro ha voluto abbracciare sostenendo il progetto con il proprio patrocinio istituzionale. Un percorso virtuoso che porta alla realizzazione del Mercato dei produttori locali, le cui finalità sono state illustrate questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Giunta della Provincia di Catanzaro alla presenza del padrone di casa, il presidente dell’Ente intermedio, Enzo Bruno, il sindaco di Marcellinara Vittorio Scerbo, il presidente e la segretaria della Condotta Slow Food di Catanzaro, Giuseppe Costabile e Patrizia Costantino. Assente giustificato il consigliere provinciale e vice sindaco di Marcellinara Antonio Montuoro che ha trasmesso i propri saluti.
Il protocollo prevede l’istituzione del mercato con cadenza mensile, previa selezione e partecipazione delle aziende, con la presenza quindi di produttori che si impegnano a vendere esclusivamente i propri prodotti, assumendosi la responsabilità del loro lavoro, della qualità del cibo che portano al mercato. E questo con lo scopo di far acquisire dignità culturale alle tematiche legate al cibo, al vino, all’alimentazione e alle scienze gastronomiche nel loro complesso, ma anche individuare i prodotti alimentari e le modalità di produzione legati al territorio mettendo in contatto diretto produttori e consumatori. Secondo il sindaco di Marcellinara Scerbo, che ha voluto ringraziare il presidente Bruno “non solo per il patrocinio a questa iniziativa, ma anche alla costante attenzione che dimostra a tutto il territorio provinciale nonostante le tante difficoltà economiche”, ha messo in evidenza come “il mercato dei produttori e questo protocollo rappresentano una opportunità e una risposta concreta alle esigenze delle economie locali”. Il mercato potrebbe tenersi la seconda domenica di ogni mese, e sicuramente diventerebbe “un modo per promuovere la pratica di una diversa qualità della vita, fatta del rispetto dei tempi naturali, dell’ambiente e della salute dei consumatori – ha aggiunto il presidente della Condotta di Catanzaro di Slow Food, Costabile -. Il sostegno di Provincia e Comune dimostra che la sinergia istituzionale può fare molto, soprattutto per promuovere una economia altra, l’economia verde che continua ad essere trascurata”. Il mercato dei produttori, quindi, come forma alternativa di economia, per far conoscere il lavoro e la qualità che si nascondono dietro un prodotto a chilometro zero. Che in altre parole significa anche “diffusione di valori sociali alti, a partire dalla legalità a cui Slow Food è molto attenta, dando spazio prima di tutto a quelle cooperative e quei produttori che combattono contro la burocrazia e la criminalità”.
“La Provincia non poteva non sostenere una bella iniziativa come questa, finalizzata alla salvaguardia del patrimonio agricolo e alimentare del nostro territorio che significa anche valorizzare le economie locali – ha detto il presidente della Provincia, Bruno -. Il merito quindi al Comune di Marcellinara e allo Slow Food che opera in questa direzione. Troppo spesso non riusciamo a valorizzare il patrimonio ambientale, culturale ed enogastronomico che abbiamo, una miniera a cielo aperto per l’economia locale che deve puntare al turismo per decollare in maniera concreta. L’istmo di Marcellinara ha tutte le qualità per diventare un riferimento in tal senso e far propagare un’azione progettuale costruttiva”. La conferenza stampa ha fornito al presidente Bruno l’opportunità di anticipare al sindaco Scerbo una buona notizia: la riapertura della Strada provinciale 168/1 nei pressi di località “Solleria” di Marcellinara, chiusa per questioni di sicurezza nelle scorse settimane. L’importante arteria, l’unica alternativa alla SS280 dei due mari, è stata inibita al transito per consentire le necessarie verifiche tecniche al fine di accertare le reali condizioni del pontino. In seguito alla valutazione delle risultanze delle analisi sui materiali del manufatto, e le determinazioni di intervento stabilite dal settore Viabilità, la strada provinciale potrà essere aperta la prossima settimana.